IL MERCATO

QUESTIONI APERTE

QUESTION

La riqualificazione in corso del commercio ambulante deve affrontare alcuni problemi irrisolti che rischiano di sminuirne il valore e di comprometterne l’immagine.

PARTECIPAZIONE DEGLI HOBBISTI AL MERCATO

l’annosa questione della partecipazione degli hobbisti a mercati e fiere ha trovato una soluzione in una recente norma regionale che propone un regolamento chiaro nell’impostazione e nei contenuti. Gli hobbisti devono essere in possesso di un’apposita autorizzazione e non possono partecipare a più di dieci manifestazioni all’anno.

MERCATINI DEGLI AGRICOLTORI

la questione dei mercatini degli agricoltori, definiti in lingua inglese “farmer’s market” appare ancora irrisolta. Infatti, le soluzioni adottate per loro organizzazione penalizzano i commercianti ambulanti del settore ortofrutta sia sotto il profilo dell’ equità fiscale sia sotto quello delle condizioni igienico-sanitarie. Occorre operare affinché tra le diverse categorie di operatori ci sia pieno rispetto del ruolo di ciascuna. L’obiettivo comune deve essere il miglioramento dell’efficienza e della produttività della filiera agro-alimentare.

ABUSIVISMO COMMERCIALE

l’abusivismo è il problema più grave che il commercio ambulante deve affrontare. Quando si esce dall’ambito della legalità e si lavora senza alcuna autorizzazione (evitando il pagamento di tasse, IVA  e contributi) si reca un grave danno  agli operatori regolari e all’intera economia. FIVA Confcommercio è impegnata in prima linea nella lotta contro ogni forma di abusivismo che va combattuto con azioni di tipo investigativo a monte (individuazione delle fonti di finanziamento e di fornitura) e con controlli sistematici a valle (sanzioni amministrative, sequestro merce…).

CONTRAFFAZIONE E PIRATERIA

come l’abusivismo vanno combattute la contraffazione, che immette nel commercio imitazioni di un prodotto originale con caratteristiche simili e con un marchio falso di fabbrica, e la pirateria, che copia prodotti dell’ingegno senza riconoscimento dei diritti all’autore (ad esempio, libri, cd, video).