IL MERCATO

CLASSIFICAZIONE FIVA

CERTIFICAZIONE

Se si vuole essere competitivi, bisogna continuamente migliorare la propria attività, cioè investire nella riqualificazione che riguarda sia la professionalità delle persone sia la qualità della merce e del banco. FIVA Confcommercio vuole puntare sulla crescita degli operatori del commercio in area pubblica sviluppando i requisiti di base previsti dalla legge. Da questa volontà nasce la proposta della classificazione delle attività, a cui l’associazione sta lavorando all’interno della Commissione UNI del Commercio.

one_free-512
la classificazione è uno strumento di crescita e riqualificazione “a costo zero”. Non richiede, infatti, alcun investimento da parte dell’operatore che deve solo dare un po’ del proprio tempo per compilare un questionario. In base alle risposte che egli darà, la sua azienda sarà inserita in un determinato livello di qualità (cioè, sarà classificata) e potrà fregiarsi di un apposito marchio di riconoscimento da esporre al pubblico.
collaboration-512
il percorso della classificazione è semplice. Basta rivolgersi alla sede FIVA Confcommercio del proprio territorio e chiedere l’apposito questionario che potrà essere compilato l’aiuto degli esperti dell’associazione. Spetta a questi ultimi verificare la correttezza e la completezza del questionario prima di conferire il livello di classificazione all’operatore.
1-512
il questionario di classificazione consente di tracciare il profilo delle imprese secondo gli standard UNI e si compone di tanti fascicoli quante sono le attività di vendita, cioè i banchi. Se l’impresa, come nella maggioranza dei casi, gestisce un solo banco, l’operatore dovrà compilare un solo fascicolo.

 

Il profilo riguarda:

  • le caratteristiche generali dell’impresa (forma giuridica, tipologia dell’offerta, posteggi dei mercati, attrezzature del banco…);
  • il personale dedicato ( numero, ruolo, formazione…);
  • le collaborazioni esterne ( presentazione prodotti, aspetti amministrativi e tributari, sicurezza  e igiene del lavoro…).
define_location-512
l’obiettivo principale della classificazione è consentire ai consumatori di identificare immediatamente le imprese che hanno intrapreso un percorso di miglioramento, cioè di innovazione, e che si fanno, perciò, garanti della qualità non solo del proprio banco ma anche del mercato al quale partecipano.
pin bianca

La classificazione UNI proposta da FIVA non è obbligatoria ma volontaria. Essa è uno strumento che chi vuole intraprendere un percorso di miglioramento della propria attività. Diverse normative regionali hanno già recepito questo indirizzo orientato alla qualità e alla riqualificazione inserendo nelle proprie delibere una particolare attenzione alle imprese che si muovono in questa direzione e che valorizzano le produzioni tipiche del territorio.